domenica 17 dicembre 2017

ADDIO MARIA RUTA

Maria Ruta alla Manifestazione del 26/10/2013



Un saluto a Maria Ruta, grande imprenditrice che, ha voluto sfidare AdP. È grazie a lei e all'Appia viaggi, che è stato possibile organizzare voli da Aeroporto di Taranto. Anche lei come tutti noi, ha combattuto contro l'arroganza e l'ingiustizia perpetrata da AdP. Ha pagato un prezzo enorme (anche economico), ma non la data vinta alla prevaricazione barese. Un abbraccio Maria.


Aeroporti di Puglia crea ancora disagi ai passeggeri di Taranto (provenienti anche dal Molise, Basilicata e Calabria). Chiede un sovrapprezzo di € 3.000, non autorizza un bar mobile e non predispone sufficienti sedili per accogliere i passeggeri.
Tutto questo, senza che nessuna autorità o istituzione faccia qualcosa.



venerdì 24 novembre 2017

PIÙ CHE TAVOLI; POLTRONE!


Il titolo non suoni "irrispettoso", nei confronti di chi (con tanta buonafede), cerca di venire a soluzione di un problema vecchio di quasi 20 anni; siamo stanchi e allora, più che tavoli, abbiamo bisogno di poltrone.

Basta parlare e istituire ‘tavoli’, la comunità tarantina e anche quella lucana (tavolo della mobilità, 2012, presso la CCIAA), si sono già espresse per il SI ai voli commerciali (smettiamola con ‘voli civili passeggeri’).
Tavoli ne sono stati fatti tanti; alla Provincia di Taranto, al comune di Taranto, Grottaglie, Monteiasi, SanGiorgio, Martina Franca ecc.

Sono state fatte Delibere da tanti comuni e provincia. In Regione sono state approvate Delibere, Regolamenti, Risoluzioni ecc. è stato tutto vano. Il fatto è che:
AEROPORTI DI PUGLIA SE NE FREGA!
Ovviamente con la complicità della politica, che in pubblico ha un atteggiamento, ma poi acconsente che AdP possa derogare a Regolamenti e Leggi dello Stato Italiano, che attraverso ENAC, ha consegnato una Concessione di 40 anni, non per fare i propri comodi, ma come da Regolamento:
“…gestire ciascun aeroporto quale complesso di beni, attività e servizi organizzati…adottando ogni opportuna iniziativa in favore delle comunità territoriali vicine, in ragione dello sviluppo intermodale dei trasporti…erogare con continuità e regolarità, nel rispetto del principio di imparzialità e secondo le regole dì non discriminazione dell'utenza”.
Pertanto, basta con questi tavoli. Chiediamo ad AdP di rispettare la Legge e volontà della Comunità che ospita questa grande infrastruttura. E in soldoni, chiediamo ad Emiliano (dopo quasi 3 anni di promesse), di passare ai fatti.
Ad ogni modo, auguriamo a tutti buon lavoro.

Concessione ENAC-SEAP (alcuni passi fondamentali).  

ENTE NAZIONALE PER L'AVIAZIONE CIVILE
CONVENZIONE
per l'affidamento alla SEAP, della concessione per la progettazione, sviluppo, realizzazione, adeguamento, gestione, manutenzione e uso degli impianti e delle infrastrutture aeroportuali, comprensivi dei beni demaniali, negli aeroporti di Bari, Brindisi, Foggia e Taranto.
ARTICOLO 4 - OBBLIGHI DELLA CONCESSIONARIA
a) gestire ciascun aeroporto quale complesso di beni, attività e servizi organizzati destinati direttamente o indirettamente, alle attività aeronautiche adottando ogni opportuna iniziativa in favore delle comunità territoriali vicine, in ragione dello sviluppo intermodale dei trasporti
c) erogare con continuità e regolarità, nel rispetto del principio di imparzialità e secondo le regole dì non discriminazione dell'utenza
c.2) ad assicurare l'efficienza degli impianti e degli apparati aeroportuali:
ARTICOLO 7 - OPERATIVITÀ AEROPORTUALE
1. La concessionaria garantisce la piena operatività di ciascun aeroporto durante l'orario di apertura stabilito dall'E.N.A.C.
3. La concessionaria provvede, in base a criteri di non discriminazione e secondo le modalità e prescrizioni concordate con l'E.N.A.C., all'assegnazione delle piazzole di sosta degli aeromobili.
ARTICOLO 14 - REVOCA E DECADENZA DELLA CONCESSIONE

1. Nei casi previsti dal codice della navigazione, nell'ipotesi di gravi ovvero reiterate violazioni della disciplina relativa alla sicurezza, in caso di mancata presentazione del Piano regolatore generale di ciascun aeroporto nei termini indicati, di mancato ed immotivato rispetto del programma di intervento e del piano degli investimenti, o di grave e immotivato ritardo nell'attuazione degli stessi o al verificarsi di eventi da cui risulti che la concessionaria non si trova più nella capacità di gestire gli aeroporti, l'E.N.A.C., con provvedimento motivato, dispone la revoca della concessione e contestualmente nomina un commissario per la gestione operativa degli aeroporti.