martedì 29 novembre 2011

Signor Presidente Onofrio INTRONA

Presidente Onofrio INTRONA

Signor Presidente Onofrio INTRONA
Lei presiede autorevolmente la massima Assise regionale che rappresenta tutto il popolo pugliese. Le decisioni che scaturiscono dopo vivaci e vibranti discussioni, sono il risultato di più interventi di tutti i consiglieri regionali. Alla fine, dopo che ogni consigliere si è espresso, e dopo aver soppesato al meglio i vari contributi, in tutta coscienza, e per il solo bene della gente pugliese, vengono prese le decisioni.
Ebbene, il 27/09/2011 è stato discusso al punto n. 20 un O.D.G. :«Cervellera, Pentassuglia, Laddomada, Mazza, Sala del 14/07/2011 “Aeroporto Arlotta di Taranto-Grottaglie – Riattivazione voli civili”».

Dopo un’ampia discussione che visto gli interventi dei consiglieri: CERVELLERA, BELLOMO, MAZZA, SALA, ZULLO, LOSPINUSO, LADDOMADA, DAMONE, PENTASSUGLIA, LANZILOTTA, MARINO, e che ha visto la strenua difesa di MINERVINI che ha chiesto di ritirare l’ODG, facendo appello alle mancate drammatiche espressioni del Presidente VENDOLA (assente).

Appello al quale e seguito il Suo interventoPiuttosto che far ritirare l’ordine del giorno, proporrei – e forse questo potrebbe essere il voto dell’intero Consiglio – di impegnare il Governo regionale a proseguire nell’approfondimento e nell’interlocuzione con le forze politiche, sociali e istituzionali della Provincia di Taranto, perché nella congiuntura, così come è stata adesso illustrata dall’assessore Minervini, possano essere esperite le forme possibili per un’utilizzazione nel sistema aeroportuale pugliese anche dell’importante struttura di Grottaglie. Penso che questo darebbe significato al dibattito di oggi, un dibattito che muove, e nessuno può negarlo, dalla legittima aspirazione di un territorio come quello tarantino a sentirsi parte integrante di un sistema importante, quale quello aeroportuale. Potremmo, quindi, concludere con un voto in tal senso. L’ordine del giorno è stato discusso e io penso che con questo impegno si possa concludere la discussione».
INTRONA: Do lettura del dispositivo conclusivo dell’ordine del giorno «Il Consiglio impegna il Governo regionale a proseguire nell’utile interlocuzione con il territorio della Provincia di Taranto e con Aeroporti di Puglia per la valorizzazione dell’importante infrastruttura aeroportuale di Grottaglie, predisponendolo anche ai voli civili».
Pongo ai voti l’ordine del giorno così come modificato.
È approvato.

Da quel giorno nulla è cambiato; MINERVINI ha continuato a non tener conto di quel voto ed Aeroporti di Puglia ha continuato a fare ciò che fa dal 2007, cioè: NULLA!
Le chiedo. Signor Presidente, col massimo rispetto dell’Organismo che Ella presiede: ha valore ciò che viene deciso? Si! E allora perché non viene rispettato?

Le chiedo, inoltre, d’informare il Ministero delle infrastrutture nella persona del Dr. Aldo SANSONE, che il Consiglio regionale Pugliese ha modificato il PRT. Ne dia, cortesemente, informazione anche all’ENAC, al quale Ente chieda di essere più vigile; si sa, è risaputo: quando il gatto manca, i topi ballano…, non sarà questo il caso, ma le recenti inchieste e successivi arresti all’ENAV ne sono una testimonianza.
Un cordiale buon lavoro a Lei e a tutto il Consiglio regionale.
Movimento Aeroporto Taranto
Mimmo DE PADOVA

segue risposta pervenuta al sig. Gennaro MATERAZZO, il quale chiedeva una risposta al mio Ricorso.

2 commenti:

  1. Gabriele Caforio30 novembre 2011 16:47

    http://bari.repubblica.it/cronaca/2011/11/30/news/la_regione_costretta_a_tagliare_a_rischio_i_voli_di_ryanair-25814971/

    Forse è azzardato in Puglia chiedere l'apertura di un nuovo scalo civile. Va meglio potenziata la struttura aeroportuale esistente ora con relativi servizi annessi. Es. pubblici servizi navetta aeroporti multipli su tutte le zone della puglia..

    RispondiElimina
  2. Sig. Cafforio,Lei certamente non sa che qui si gioca sulla disinformazione.Il nostro aeroporto non ha bisogno di essere reinventato,inquanto l'Enac lo ha certificato per il traffico generale,passeggeri e merci,come gli altri aeroporti.Quindi non v'è nulla da aprire.E' la Regione puglia che si ostina a non osservare le leggi vigenti.Quindi non facciamo una questione di congiuntura.Ho detto più volte che la questione è di natura giudiziaria.Noi parliamo di cose che il "sistema" ha fatto in modo che si diffondessero nella totale disinformazione.

    RispondiElimina

chi lascia un commento si assume la responsabilità di quello che scrive.